Monday, April 13, 2015

DESIGN WEEK 2015: LE SCULTURE DI SAPONE DI LUSH | UNA DUE GIORNI DI ARTE E LIVE PERFORMANCE CON LO SCULTORE ALESSANDRO OTTOLINA

Posted in ,
Mercoledì 15 e giovedì 16 aprile in occasione della Design Week di Milano Lush organizza una due giorni all’insegna dell’arte e dell’esperienza artigianale con due live performance dello scultore Alessandro Ottolina e un originale vernissage


Milano, 13 aprile 2015 - Lush, brand etico di cosmetici freschi e fatti a mano, organizza una due giorni di arte e live performance per presentare Desert Rose e Blue Velvet, le due sculture di sapone ideate dal giovane artista milanese Alessandro Ottolina, che saranno realizzate a mano attraverso la lavorazione di due diversi saponi Lush. Mercoledì 15, in occasione della Design Week di
Milano lo scultore meneghino si esibirà in due originali live performance nelle botteghe Lush di Via Dante e di Corso Buenos Aires. Le sculture di sapone saranno poi esposte nella nuova bottega Lush di via Torino per tutta la giornata del 16 aprile.

Desert Rose, realizzata con il celebre sapone al miele “Nonsimangia”, rappresenta un movimento naturale che richiama il mondo vegetale, in particolare i momenti di nascita e germogliazione, in cui i colori caldi addolciscono la solidità del materiale utilizzato. La componente naturale, declinata nelle più fredde e intense tonalità del blu, è anche al centro del concetto che ha portato alla realizzazione di Blue Velvet, un vero e proprio germoglio tridimensionale che prende vita dal fresco sapone alla menta “Dirty”. Entrambe le sculture di sapone saranno lavorate a mano con il solo supporto di spatole di legno, senza stampi né strumenti elettrici.


L’originale collaborazione tra Lush e lo scultore Alessandro Ottolina nasce dalla condivisione della stessa filosofia e dalla comune ricerca di materie prime naturali e di qualità, nonché dalla forte attenzione alle tematiche ambientali. Lush, infatti produce e commercializza cosmetici freschi freschi e preparati a mano a base di frutta e verdure fresche, spesso biologiche e o provenienti dal commercio equo e solidale, realizzati nel pieno rispetto dell’ambiente, con i migliori ingredienti in una filiera di produzione sostenibile ed equa. Alessandro Ottolina utilizza - fin dall’inizio del suo percorso artistico - materiali di riciclo e di recupero, cifra stilistica della sua ricerca e sperimentazione artistica.

Ad accompagnare le performance live di Alessandro Ottolina, la proiezione del video The Experimenter, la prima opera d’arte audiovisiva astratta realizzata da Lush per illustrare i sorprendenti effetti dei prodotti Lush in azione: dall’esplosione delle leggendarie bombe da bagno, al vortice di colori e profumi, per arrivare ai lustrini biodegradabili che si fondono e colorano l’acqua. Insolite e coinvolgenti immagini, rese ancora più suggestive dalla colonna sonora “Wings at their Feet” composta per l’occasione. Un incontro ideale per celebrare il connubio tra arte e cosmesi nella settimana dedicata al design!


Appuntamento: mercoledì 15 aprile | dalle ore 12.00 alle ore 15.00 | @Lush Corso Buenos Aires, 58 Milano
dalle ore 16.00 alle ore 19.00 | @Lush Via Dante, 15

Hashtag ufficiale: #LushDesignWeek

LUSH

Nata nel 1995 in Inghilterra, Lush produce e commercializza cosmetici freschi e fatti a mano a base di ingredienti di prima qualità come frutta e verdura fresche, spesso biologiche o provenienti dal commercio equo e solidale, sintetici sicuri, oli essenziali purissimi e cioccolato. Tutti i prodotti sono realizzati nel rispetto dell’ambiente (sono spesso solidi e privi di confezione o dotati di un imballaggio riciclato al 100%), hanno una data di produzione e una di scadenza e sono cruelty free. Lush conta oggi circa 900 negozi monomarca nel mondo, di cui 40 in Italia.

www.lush.it.

ALESSANDRO OTTOLINA

Alessandro Ottolina nasce nel 1980 a Milano, città dove vive e lavora. Parallelamente agli studi scientifici che lo portano a conseguire una laurea in farmacia, intraprende, a metà degli anni Novanta, le prime indagini su diversi materiali quali creta, gesso e legno, che si concretizzano, nel 2000, con la nascita delle prime opere. Le opere nascono da scelte naturali volte alla figuratività, dove la dimensione estetica è esaltata dalla ricercatezza di forme armoniose ricavate da materiali di riciclo e recupero.